Problemi di Coppia

Cosa rompe l'equilibrio della coppia

Benvenuto in questa sezione dedicata a risolvere i problemi di coppia

Nel mio Blog ho creato per voi una sezione dedicata in modo esclusivo a tutti i grandi e piccoli problemi di coppia.

I temi sono: gelosia ossessiva e patologia; il sesso nella coppia;  i conflitti di coppia; affrontare separazione/divorzio; competenze genitoriali; il tradimento nella coppia; il primo appuntamento. Dipendenza affettiva. Tutto il mondo dei rapporti affettivi. 

Come ritrovare il benessere di coppia

Affrontare la crisi nel rapporto di coppia

Stare con una persona significa rispettare prima di tutto se stessi, in termini di esigenze, bisogni ed aspettative. Solo così il rapporto di coppia può essere vissuto nella piena considerazione verso l'altro, perché entrambi si è appagati riguardo a ciò che si desidera davvero.

L'attenzione per l’individualità del singolo, diventa la base del rispetto per entrambi i membri della coppia, evitando così dipendenze affettive o gelosie estreme, entrambe campanelli di allarme, perché minano il benessere stesso della coppia e sono alla base dei problemi di coppia.

L'aiuto della terapia di coppia

La terapia di coppia aiuta la coppia a rompere le incongruenze, e risanare il dialogo concreto, basato sui fatti della realtà presente, ed è questo nuovo punto di vista che permette la reale presa di consapevolezza che aiuterà entrambi i partner a capire cosa fare e quindi prendere una decisione obiettiva: basata sui fatti, senza odio o rancore, evitando così spietate guerre che non portano a nulla, se non altro dolore e profonda sofferenza.

La terapia di coppia serve a ricostruire quel dialogo che la coppia, nel tempo ha logorato.
Io stimolo i partner al confronto, il mio obiettivo è di far sì che entrambi manifestino all'altro i propri bisogni, cioè le rispettive mancanze che li hanno portati all'allontanamento reciproco, causando i problemi di coppia. 

Si devono far emergere tutte le emozioni negative, come la rabbia. La coppia può vivere due cose: il dialogo è fatto solo di urla, di accuse. Quindi i toni e volumi sono alti. Oppure la coppia vive nel silenzio. La coppia evita il conflitto perché vuole evitare il solito copione: si urla, ci si dà addosso, ci si colpevolizza a vicenda. Si finisce che uno se ne va sbattendo la porta e l’altro si ritrova da solo a piangere in silenzio.
No. Discutere, litigare è sano. Il conflitto va affrontato. Perché porta i partner a far emergere i problemi di coppia.

Ad esempio nei gruppi di aiuto per le coppie in crisi. Si fanno emergere tutte le emozioni. Il gruppo è un facilitatore di emozioni. Il gruppo permette di accogliere queste emozioni, in un clima sereno, aperto, non giudicante. Il gruppo porta sempre ad una crescita perché c’è un confronto di esperienze, è privo di giudizio. 

La terapia di coppia procede per fasi, che possono essere così riassunte:

  • Libera espressione per entrambi i partner di emozioni e pensieri;
  • Riconoscimento del punto di vista dell’altro;
  • Consapevolezza dei rispettivi errori;
  • Ricostruzione o decisione di prendere due strade diverse, senza però il peso del rancore.

Dove sta andando il mio rapporto di coppia?

La Coppia e il Suo Benessere

Aprirsi al dialogo

Ciò che porta la coppia ad allontanarsi può dipendere da tantissimi fattori, vediamo qualche esempio:

  • gelosia ossessiva patologica
  • incomprensioni di coppia
  • problemi sessuali nella coppia
  • tradimenti
  • conflitti di coppia
  • mancanza di comunicazione e incomprensione

Il primo passo è ritrovare l’obiettivo comune, per ritrovare l’equilibrio e il benessere deve affrontare i suoi problemi, in modo da decidere con lucidità cosa fare del proprio rapporto di coppia.

I conflitti di coppia

Da dove nasce il conflitto di coppia?

Perché lui dice una cosa lei un’altra rispetto al racconto di uno stesso episodio?

Capita spesso, nel racconto della storia di vita della coppia, che i due racconti non coincidano. Sembra che i due partner abbiano vissuto lo stesso evento in modo completamente diverso, questo emerge nella loro reciproca narrazione. Questo processo si chiama INCONGRUENZA.

Rogesr nel 1957 diceva: ” L’incongruenza è l’incapacità della persona di riconoscere parte della realtà, perché sarebbe in contraddizione con il concetto del sé”.

Può accadere ad esempio, quando un membro della coppia manifesta ansia ed insofferenza nel legame. Il partner o non riconosce questa sofferenza, oppure non la vuole vedere come tale, ma lo trasforma in una sorta di ansia momentanea, magari legata ad altri condizionamenti del passato.

Entrambi i partner della coppia devono avere la volontà di riconoscere almeno due cose:
1. c'è una sofferenza nel rapporto di coppia
2. la sofferenza del partner 
3. Affrontare la storia di coppia: passato e presente

E’ molto importante distinguere tra passato e presente, tra ciò che riguarda desideri ed aspettative che sono o non sono stati soddisfatti.

Quando iniziamo una relazione siamo tutti carichi di aspettative, e rimaniamo in ascolto per vedere dove ci porta. Ma, a volte, succede che  occhi ed orecchie vengano ricoperti da un filtro che trasforma la realtà oggettiva del presente.

Questo filtro lo possiamo chiamare ansia e paura. Le frasi più comuni che sento sono: ”Ho paura di rimanere solo”; “Chissà cosa trovo”, “E’ solo colpa mia, ho sbagliato, sono cambiato/a, lei/lui deve vedere e perdonare, deve capire, deve stare con me”.

Il rapporto di coppia si trasforma in un senso del dovere, che viene visto come una trappola, una gabbia che si restringe sempre di più, e quando un membro della coppia ne vuole uscire, l’altro lo osteggia con ostinazione, negando tutto ciò che ha portato alla rottura del legame. 

Così si è portati a vedere la terapia di coppia come un’ancora di salvezza che DEVE  a tutti i i costi rimettere a posto le cose,  secondo la volontà di uno dei due. Ma a formare una coppia si è in due, manca una pezzo! Cosa vuole l’altro? 

E qui entrano in gioco le negazioni, le incongruenze, l’ostinazione. Tutto a discapito del sano dialogo. E' qui che s'inserisce la terapia di coppia: aprire il dialogo, ristabilire una sana e aperta comunicazione. Affrontare i punti di vista di ciascuno.  Portare la coppia ad affrontare emozioni e sentimenti in un clima privo di giudizio.

E' importante mettere in chiaro che la terapia di coppia NON ha l'obiettivo di forzare, obbligare un partner a seguire la volontà dell'altro partner. 

La terapia di coppia aiuta la coppia proprio in questo: rompere le incongruenze, e risanare il dialogo concreto, basato sui fatti della realtà presente, ed è questo nuovo punto di vista che permette la reale presa di consapevolezza che aiuterà entrambi i partner a capire cosa fare e quindi prendere una decisione obiettiva: basata sui fatti, senza odio o rancore, evitando così spietate guerre che non portano a nulla, se non altro dolore e profonda sofferenza. Come evitare violenti litigi e forti recriminazioni: l’aiuto della terapia di coppia

Incontri di gruppo per le coppie in crisi

Per capire come affrontare i problemi di coppia

Perché possono servirti questi incontri 

  • quando la convivenza è intollerabile;
  • quando le incomprensioni sono causa di litigi e discussioni;
  • quando tutto viene messo in discussione e non si sa quale direzione prendere;
  • siete arrivati ad un punto di svolta? Decidere se lasciarsi o stare insieme? 

E' arrivato il momento di fare qualcosa, di compiere un'azione che possa permettere alla coppia di ritrovare il benessere.
Questi sono incontri, dove la coppia è libera di esprimersi, dove il singolo ritrova il suo spazio, il dar voce a desideri, esigenze e biosgni soffocati e repressi per troppo tempo, è lo spazio giusto per spezzare il silenzio delle incomprensioni.

Vedi nel dettaglio come si organizzano gli incontri

Tutti gli articoli di questa sezione

Qui puoi trovare l'aiuto che ti serve