Attività Assistita con gli animali Pet Therapy

AAA- è il nome appropriato di un ramo della Pet Therapy

Vi presento Gaetano

Pastore Tedesco a pelo lungo. Ha compiuto 3 anni il 14 agosto 2017. E' un cucciolone ama giocare a palla e a nascondino

Il beneficio della relazione con il cane

Attività assistita con gli animali Pet Therapy

Gaetano, il mio Pastore Tedesco a pelo lungo ha 3 anni, abbiamo lavorato insieme, e insieme siamo cresciuti per portare beneficio in terapia alle persone.

Ogni intervento è studiato e mirato ad hoc, rispetto all'obiettivo terapeutico specifico che la persona dovrà raggiungere attraverso la relazione con il Pet.

Attività Assistita con gli animali Pet Therapy: Riporto a titolo di esempio alcuni obiettivi di relazione che abbiamo focalizzato sulle specifiche problematiche:

  • Lavorare sulle fobie e paure del cane e degli animali in generale.
  • Riappropriarsi delle proprie emozioni. Chi ha sofferto un grosso trauma, tende a proteggersi dalle emozioni, per timore di non riuscire a gestirle, perché vengono vissute con paura, con timore, perché ogni emozione (positiva o negativa che sia) fa ricordare l’evento traumatico, quindi la convinzione irrazionale è che le emozioni siano tutte negative, qualcosa da cui proteggersi perché ritenute pericolose. La relazione con l’animale è terapeutica perché si fonda proprio sulle emozioni che, reciprocamente, vengono scambiate tra il Pet e la Persona.
  • Imparare attraverso la relazione con l’animale a vincere forti attacchi di ansia o attacchi di panico.
  • Uscire dalla depressione

Ho già parlato dell’effetto benefico che l’animale ha sull'uomo, nell'articolo animali e salute.

Ci tengo a sottolineare che un'Attività di Pet Therapy non va a sostituirsi a terapie già in corso, ne è di supporto. Il lavoro con il cane nel contesto clinico ha principalmente un ruolo di facilitatore.

Gaetano ha un carattere molto tranquillo. Così, la sua calma, la sua tranquillità e la sua dolcezza hanno sulla persona un effetto calmante, e questo permette, a chi è in relazione con Gaetano in quel momento, di sentirsi a proprio agio e rilassato. E, il racconto del proprio vissuto di sofferenza o traumatico è facilitato. In questo clima sereno e tranquillo è anche più facile appropriarsi delle strategie che vengono discusse in sedute.

Perché non è facile affrontare con consapevolezza quelli aspetti della propria vita su cui si sta lavorando per cambiare, quindi, più si riesce a stabilire un contesto calmo, sereno e rilassato, con tanta più facilità avverrà tutto il lavoro i relazione. Facilitando notevolmente il raggiungimento dell’obiettivo finale: il cambiamento. 

Il perchè e il come avviene il Cambiamento è chiarito dalla zoantropologia.

Il concetto chiave della zoantropologia è la RELAZIONE. Per parlare di pet therapy è bene capire le caratteristiche del rapporto tra l’uomo e le altre specie, per questo motivo in questa sezione ho parlato del beneficio della relazione con il cane.

La zoantropologia nasce negli anni 90 dalle ricerche in Francia di Hubert Montagner sul valore educativo dell’incontro tra bambino e animale; e dagli studi di Roberto Marchesini (invito a leggere il libro “Fondamenti di zoantropologia applicata” Bologna Apeiron, 2004).

I fondamenti della zoantropologia sono:

  • L’animale è dotato di una sua soggettività (visione del referente animale come alterità);
  • C’è una relazione dialogica tra l’essere umano e l’uomo (scambio di contenuti e di ruoli tra i due) in questo senso la relazione assumerà una sua configurazione che faciliterà il cambiamento;
  • l'ammissione dell'esistenza di una molteplicità di piani d'incontro con l'alterità animale (cioè l'animale che è dotato di una sua soggettività);
  • la relazione con l 'eterospecifico può provocare un cambiamento nell'essere umano;
  • l'ipotesi che l'incontro con l'eterospecifico possa essere d'ispirazione per l'uomo;
  • la consapevolezza che l'animale contribuisce alla definizione dei predicati culturali di cui ne fanno parte anche gli animali.

"La zoantropologia è una disciplina di ricerca in grado di dirci  qualcosa di più, o di diverso, sul ruolo che l'eterospecifico ha avuto, e può ancora avere, nella vita dell'uomo."

"Si tratta di creare un ponte che si trova nella cultura. [...] Ne consegue che la zoantropologia considera l'uomo come un'entità non autosufficienete: per costruire gli apsetti più autentici del suo essere, egli ha infatti bisogno della relazione con altre specie. Tale bisogno diventa più eclatante nei momenti di difficoltà [...]." 

Roberto Marchesini Pet Therapy manuale pratico

Grazie al dialogo con l’animale l’uomo acquisisce dei contenti ispirativi (referenze) capaci di favorire alcuni processi di cambiamento. (Nel libro “Fondamenti di zoantropologia applicata” scritto da Marchesini tutto è spiegato molto bene. Invito anche alla lettura di “Pet Therapy manuale pratico” di Roberto Marchesini”.

Quindi secondo questa nuova prospettiva ecco spiegato il motivo per il quale la relazione, il contatto con l'eterospecifico è per noi così importante.

Basta pensare a quante volte l'uomo ricorre all'aiuto degli animali quando è in difficoltà:

  • Cani addestrati per i non vedenti
  • Cani utilizzati per le ricerche di persone scomparse
  • Cani che collaborano nelle attività assistite con gli animali i Pet Terapy

 

Attività assistite con animali- Dott.ssa Patrizia Marzola psicologa Fidenza

Perchè la relazione con gli animali ha un effetto benefico sull'uomo?

Il ruolo dell'Ossitocina 

L’ossitocina svolge un ruolo integrativo importante per i nostri schemi di reazione. Vediamo alcuni esempi:

  • la risposta attacco e fuga;
  • modello di reazione con effetti antistress
  • stimolazione di processi anabolici (la reazione di crescita e rilassamento)
  • abilità sociali.

L’ossitocina è un nonapeptide prodotto nell’ipotalamo, rilasciato dal sistema circolatorio dall’ipofisi posteriore e anche nel cervello da una rete di neuroni cerebrali contenenti ossitocina. Il rilascio di ossitocina  è causato anche da intensa stimolazione sensoriale, come ad esempio durante il travaglio, nell'allattamento e durante il rapporto sessuale.
Ma anche altre stimolazioni sensoriali meno intense possono provocare il rilascio di ossitocina: come una carezza, un abbraccio nell'ambito di una relazione di fiducia reciproca.  

Le terminazioni nervose ossitocinergiche si proiettano in aree del cervello coinvolte nella regolazione delle interazioni sociali, della paura, dello stress, del dolore, della calma, del senso del benessere, della memoria e dell’apprendimento.

L’ossitocina fa abbassare i livelli di cortisolo (ormone dello stress) e la pressione sanguigna inibendo l’attività dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) e del sistema nervoso simpatico. 

L’ossitocina stimola l’attività del sistema nervoso parasimpatico e il funzionamento del tratto gastrointestinale, incrementando così l’assimilazione di nutrienti, i processi di riparazione e crescita. Vengono promossi anche i processi di apprendimento e di guarigione.

Inoltre, l’ossitocina viene rilasciata anche nelle interazioni uomo-animale, per questo, motivo si pensa che, possa svolgere un ruolo principale, nei meccanismi neurobiologici che stanno alla base degli effetti indotti dall'interazione uomo-animale.

Dunque il nostro attaccamento verso gli animali trova un forte riscontro proprio nei nostri processi fisiologici, pertanto possiamo dire che fa parte di noi.

Quando le persone mi conoscono, alcune si sorprendono del fatto che io consideri i miei animali come parte integrante della mia famiglia, bene, la fisiologia ci spiega i meccanismi che stanno alla base di questo fondamentale e meraviglioso legame.

Ma io sono convinta che molti di voi stanno o hanno vissuto, la potenza di questo meraviglioso legame. Che non è solo curativo ma io ritengo sia fonte di grande gioia e di benessere.

Ecco il motivo per il quale ho deciso di portare questo fondamentale legame nell'ambito della terapia psicologica clinica, e ne stiamo vedendo gli eccezionali risultati in termini di benefici, come ad esempio aumento del benessere psico -fisico, incrementare le competenze sociali, ridurre situazioni di forte stress, di ansia o di depressione, è un forte aiuto per ridurre l’impatto di esperienze traumatiche.

Per approfondire i benefici della Terapia Assistita con gli animali Pet Therapy - Animali e Salute 

Articoli di approfondimento

  • Per una trattazione completa invito alla lettura del testo L’Attaccamento agli animali. Di H.Julius, A. Beetz, K. Kotrscha, D. Turner, K. Uvnäs-Moberg
  • Coppa M.M., Vignini S., Orena E., Pergolini ., Reginella R., Gasparat M. (2007) Facilitare la relazione con bambini e disabilità plurime: La Pet Education. Diffcoltà di apprendimento
  • Friedman E., Katcher A.H., Linch J.J., Thomas S.A., (1980) Animal companions and one-year survival of patient after discharge from a coronary care unit, “Public Healt Reports”.
  • Lorenz K. (1973) E l’uomo incontro il cane. Milano Adelphi

Come contattarmi

Dott.ssa Patrizia Marzola psicologa Fidenza

Se vuoi capire come e se la Terapia Assistita con gli animali può esserti di aiuto 
puoi scrivermi senza impegno a info@patriziamarzola.it  
Oppure, chiamare ai numeri Studio 0524 202361 Mobile 328 1971882
Ci conosciamo e capiamo insieme quale è la soluzione migliore per voi.

Dott.ssa Patrizia Marzola

Psicologa clinica – Pet Therapy